Home » La lettura del territorio

La lettura del territorio

Il territorio di Cardano è caratterizzato da attività artigianali e di piccola-media industria e da un terziario in continuo sviluppo, potenziato dall’apertura di Malpensa 2000.
Si rileva, purtroppo, una forte presenza di realtà problematiche in relazione sia al movimento migratorio degli ultimi decenni sia al costituirsi di nuclei familiari “anomali” (famiglie monoparentali e/o ricostituite).
Il territorio è inoltre carente d’aree d’aggregazione giovanile, fatta eccezione per le Parrocchie.
Vi è intorno alla Scuola una partecipazione positiva di genitori, di comitati, d’iniziative abbastanza vivace e costantemente stimolata dai membri della Comunità Educativa.
Oggi la presenza di quest’opera è garantita dall’impegno dei soci e di altre persone che condividono l’ideale educativo originario, lo hanno assunto come responsabilità personale operativa .
Lo scopo sintetico della Scuola è educare, cioè promuovere la formazione del cittadino:civilmente maturo, responsabile e preparato, attraverso la promozione della persona e secondo il pensiero di Don Bosco “ buoni cristiani , onesti cittadini”.
L’iniziativa e la responsabilità primaria in campo educativo spettano alla famiglia, in quanto costituisce il luogo dove si comunica , da una generazione all’altra, una precisa concezione della vita. Lo sviluppo e il compimento di questa azione educativa implicano,come momento necessario e non esauriente, la scuola che a sua volta:
favorisce l’approfondimento della tradizione ricevuta
stimola la sua verifica critica
apre all’orizzonte ampio della realtà
La nostra Scuola si apre ad un lavoro di rete territoriale con le altre scuole paritarie,fondato sulla condivisione dell’ideale educativo, sulla solidarietà reciproca e finalizzato al coordinamento pedagogico , didattico e gestionale.
Tale lavoro trova nella A.V.A.S.M. – F.I.S.M. provinciale di Varese un punto di riferimento e progettuale.
L’IDENTITA’ della scuola dell’infanzia Porraneo è una realtà libera, popolare autonoma e comunitaria nella quale si esprime l’iniziativa dei singoli e dei gruppi. La sua originalità pedagogica e culturale si radica e si alimenta nel solco della dottrina sociale, secondo la formulazione ad essa data dal Magistero della Chiesa Cattolica e riconosce in Cristo la pienezza della verità dell’uomo

I BISOGNI

Dalla lettura del territorio e dall’analisi delle necessità dell’utenza, sono stati individuati i bisogni dei bambini, dei genitori e delle educatrici.

I bisogni dei bambini
• Star bene con se stessi – con gli altri – a Scuola.
• Ascolto, relazioni positive con tutti.
• Autostima.
• Rispetto dei loro tempi di crescita.
• Possesso dei prerequisiti per interpretare la realtà.
• Spazi accoglienti e attrezzati.
• Conoscenza e rispetto della diversità.
• Stili educativi finalizzati e riferimenti costanti nel tempo.
• Apertura multietnica.

I bisogni dei genitori
• Crescita e formazione del bambino.
• Professionalità del Docente.
• Servizi adeguati ed efficaci alla crescita del bambino.
• Riconoscimento del proprio ruolo.
• Coinvolgimento e partecipazione alla vita della Scuola.

I bisogni dei docenti
• Formazione permanente.
• Condivisione, confronto e scambio di professionalità.
• Strumenti efficaci e strutture adeguate per l’azione educativa.
• Supporto esterno da parte di consulenti ed esperti.
• Sinergie operative con altre Scuole.
• Riconoscimento economico.